Parliamone. Insieme possiamo

Parliamone. Insieme possiamo

Amici e simpatizzanti del Drappobianco, rendiamoci partecipi!!!
Insieme possiamo creare e costruire il nostro nuovo futuro.

Come???

Cominciamo ad aggregarci e per primi a farci le domande e darci le dovute risposte alle molteplici domande che ogni giorno ci assillano.

E tu?

Condividi ed accetti la politica del “fare” o preferisci stare alla finestra ad “aspettare” per realizzare il proprio personale interesse o del realizzare l’interesse di tutti?

Ritieni giusta la politica fatta con arroganza o la politica che con umiltà serve gli altri?

Preferisci essere governato da uomini semplici ma onesti e corretti o da furbacchioni che utilizzano la politica per il proprio tornaconto?

Vuoi una politica che si occupi dei problemi della gente o una politica che grida e si associa con la delinquenza perché non ha potere?

Cosa proponi perché tu possa interessarti del bene comune?

Tu giovane cosa vorresti fosse fatto e cosa stai facendo per costruire il mondo in cui vuoi vivere?

Fai qualcosa!

Sei pronto e capace a metterci la faccia per costruirlo?

Pensi che questa politica che esprime gli stessi protagonisti e le stesse facce da 60 anni, che molto spesso per mera convenienza saltano da un partito all’altro con sprezzante vigliaccheria, sia in grado di conoscere e comprendere la società in cui vuoi vivere?

Non credi che anche tu debba partecipare nel determinare le regole della tua vita?

Non pensi che sia arrivato il momento di dire basta e ricominciare una nuova vita politica con te protagonista?

Cosa ne pensi se la smettessimo di piangerci addosso e ci rimboccassimo le maniche per ricominciare a creare un vero mutamento?

Il momento di muoversi!

Visto il fallimento della società basata sul consumismo e la finanza non credi di ripristinare i valori perduti e ridare il posto di protagonista alla famiglia e ai semplici valori di rispetto per vivere insieme?

Non credi che l’attuale sindacalismo debba essere “rivisitato” e che debba essere, non solo tutelato, ma riaffermato il valore del lavoro?

Non pensi sia necessario trovare nuove regole per salvare i nuovi poveri, i nuovi deboli, i nuovi ultimi: i nostri figli in cerca di lavoro una sanità che vuole soldi per curarti e una scuola che non sa più insegnare per costruire ma solo a distruggere?

Non credi che in una democrazia che si rispetti maggioranza ed opposizione, pur nell’autonomia del proprio ruolo, debbano dialogare e rispettarsi per progettare lo sviluppo dei cittadini e non appiattirsi sui personalismi e costruzioni di caste di potere dei pochi?

Sei convinto che bisogna affermare la nostra cultura e conoscenza millenaria per affrontare le sfide della globalizzazione?

Insieme possiamo. Ribelliamoci!Il tuo momento!

Il movimento accoglie tutti non fa nessuna distinzione di religione e di pensiero nel massimo rispetto delle nostre tradizioni che affermano le tradizioni e l’accoglienza italiane, la centralità delle famiglie e il rispetto del territorio che sono le grandi fonti di ricchezza del nostro meraviglioso e invidiato paese; l’Italia è stata tra i paesi fondatori dell’Europa comunitaria che vuole affermare vita dignitosa e democratica di connivenza sociale ed etica dei propri cittadini.

Unisciti a noi

L’etica, e soprattutto la libertà di pensiero e movimento, sono il fondamento basilare per poter affermare il rispetto della persona umana, per sostenere la famiglia e poter amministrare con correttezza, trasparenza ed onestà. Cultura e tradizione non sono il passato ma sono elementi che hanno creato la storia, la civiltà e che ci insegnano qual è la via maestra per poter amministrare e poter cambiare il modo di fare politica oggi.
Questo è un nostro modo semplice di vedere, pensare e dialogare per creare i presupposti di dare risposte e soluzioni alle molteplici domande che tutti i giorni ci poniamo e che vogliamo risolvere.

Insieme possiamo trovare la via maestra della felicità di un popolo che sa riconoscere le grandi differenze, facendo prevalere con saggezza il BENE e cancellarne il male che affligge.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il Drappobianco cerca sede in città

In cambio il gruppo si impegna a riqualificare
gli spazi utilizzati.

L’appello arriva direttamente dal fondatore Giuseppe Caggiano ed è rivolto a chiunque potesse fornire un locale per riunioni ed incontri con i cittadini.

Il gruppo non ha grande pretese e nella nuova sede si prefigge l’obbiettivo di espandersi e farsi conoscere anche in altri territori avendo un altro punto di riferimento locale nel comasco.

Contattaci

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi